Le nostre destinazioni

twizz
Stati Uniti - Vacanze Twizz


Usa - Vacanze Gay Gli Algonchini, i Sioux, i Muskhogee e gli Uto Atzechi sono alcune delle tribù indiane che abitarono gli sconfinati spazi americani prima dell’arrivo degli europei; alla fine del Trecento i “pellerossa” presenti sugli altipiani e le praterie erano circa 900.000.

Il viaggio che porta Cristoforo Colombo alla scoperta del Nuovo Continente (1492) apre le porte dell’America ad un “esercito” di navigatori ed alla fame di ricchezze degli imperi europei; i primi ad arrivare sono francesi ed inglesi, seguiti poi dagli spagnoli.

Nel corso del Seicento dalle frequenti migrazioni causate dalle persecuzioni religiose nascono le 13 colonie della Nuova Inghilterra che nel 1776 dichiarano l’indipendenza dalla madrepatria con un documento di Thomas Jefferson; strozzati dalle restrizioni e dall’eccessiva tassazione inglese, i coloni sono guidati da George Washington in una guerra d’indipendenza che concludono vittoriosamente nel 1783.
Gli anni successivi segnano l’avanzata verso ovest - la cosidetta “conquista del west” - a danno degli indiani, “truffati” con l’acquisto a basso prezzo delle terre e relegati nelle riserve, e l’acuirsi delle tensioni tra gli stati del nord e quelli del sud; la mentalità industriale si contrappone a quella latifondista ed il contrasto conduce alla Guerra Civile Americana (1861 - 65). La questione principale riguarda la schiavitù: la guerra si conclude con la vittoria dei nordisti, in netta superiorità di uomini, e con la proclamazione dell’abolizione della schiavitù da parte di Abramo Lincoln.

Gli Stati Uniti sono una nazione sempre all'avanguardia e proiettata al futuro. Sono una meta che si adatta alle esigenze di ogni turista, in quanto qui si può trovare di tutto: dalle grandi metropoli come New York, Boston, Chicago e San Francisco, alle bellezze naturali come il parco di Yelloswstone e il Grand Canyon, alle splendide spiaggie della Florida
Periodo vacanza
Dal al
Destinazione
Tipologia hotel
Camera
 
Bambini
2/12 anni
Bambini
0/1 anni
 
 
SpartacusWorld.com

Essendo materia dei singoli Stati federali, le regolamentazioni per le unioni civili omosessuali variano da Stato in Stato.

Il matrimonio omosessuale viene riconosciuto dagli Stati federali Connecticut, Iowa, Massachusetts, New Hampshire e Vermont. La situazione attuale nei diversi Stati può essere consultata tramite internet al seguente indirizzo www.ncsl.org

Al momento gli USA stanno vivendo un profondo cambiamento: il governo di Obama ha rimosso le limitazioni di ingresso per i sieropositivi che vigevano già dal 1987. Inoltre, il presidente Obama ha fatto della riforma sanitaria il suo cavallo di battaglia; una riforma molto ambiziosa che, a causa della forte resistenza dell'ormai influentissimo movimento del Tea Party all'interno del Partito Repubblicano, è riuscita, sì, a superare gli ostacoli politici, ma uscendone fuori in forma molto annacquata. Nel dicembre del 2010, il Senato ha approvato, con un voto storico, l'abrogazione della dottrina del "don't ask, don't tell" introdotta da Bill Clinton; adesso, come ha sottolineato Obama, gli americani e le americane omosessuali possono apertamente servire il loro Paese.

Importante: in molti Stati federali statunitensi, per entrare nei club o nei bar, bisogna mostrare un documento di riconoscimento, anche nei casi nei quali la maggior età risulti evidente. Portate con voi, quindi, la carta d’identità o il passaporto; la patente spesso non basta.

Per i turisti stranieri che hanno intenzione di recarsi negli Stati Uniti, dal 12 gennaio 2009 valgono delle nuove disposizioni di ingresso. I visitatori stranieri nell'ambito del Programma Viaggio senza Visto (Visa Waiver Program) devono presentare la domanda tramite internet prima del viaggio. Questo formulario deve essere spedito al più tardi 72 ore prima del volo. Sul sito https://esta.cbp.dhs.gov troverete il suddetto formulario sotto il nome ESTA (Electronic System for Travel Authorization).

© Spartacus 2016 - www.spartacusworld.com