Le nostre destinazioni

twizz
Croazia - Vacanze Twizz


Croazia - - Vacanze GayOltre 1500 chilometri di costa e un migliaio di isole e isolette, un mare tra i più limpidi e puliti dell’intero Mediterraneo, una buona offerta di hotel e case vacanza e un costo della vita ancora conveniente per chi giunge dalla zona Euro.
Per questi motivi, la Croazia nel giro di dieci anni è diventata un’apprezzata meta turistica.

Posizionata tra l’Europa centrale e il Mediterraneo, la Croazia ha avuto una storia tanto tormentata quanto affascinante. Nel corso dei secoli, la Croazia è stata lo scenario di epiche battaglie ma anche di incontro tra popoli e culture, come è testimoniato dallo straordinario patrimonio artistico delle sue città.

Chi in vacanza va in cerca di mare, spiaggia e ancora mare, non ha che l’imbarazzo della scelta. Dall’Istria fino alla Dalmazia meridionale, da Umago a Dubrovnik, la costa della Croazia è meravigliosa e in larga parte intatta da speculazioni edilizie.

E poi ci sono le isole: da nord a sud Krk e Rab, Hvar e Brac (con la paradisiaca spiaggia di Zlatni Rat), Korcula e Mljet nella Dalmazia meridionale, e ancora moltissime altre isole e arcipelaghi ideali per rilassarsi, per riconciliarsi con la natura e per navigare.

Periodo vacanza
Dal al
Destinazione
Tipologia hotel
Camera
 
Bambini
2/12 anni
Bambini
0/1 anni
 
 
SpartacusWorld.com

L'1/07/2013 la Croazia è entrata a far parte dell'Unione europea. In Croazia, i partiti di centro-sinistra e i loro rappresentanti sono impegnati nella lotta per i diritti della comunità LGBT. L'omosessualità è legale dal 1977. A gennaio del 2013 l'età del consenso è salita da 14 a 15 anni. Il riconoscimento - dal 2003 - delle coppie di fatto ha leggermente migliorato la situazione giuridica delle coppie dello stesso sesso, ad esempio in relazione ai regolamenti sullo stato di proprietà e al reciproco sostegno finanziario. Negli ultimi anni la tutela giuridica si è estesa sempre di più, tanto da essere considerata, oggi, tra le più progressiste in Europa. Ci sono molte disposizioni a tutela dei diritti di gay e lesbiche, tra cui, le clausole antidiscriminatorie nel diritto del lavoro, una legge sulla parità tra uomini e donne,ma anche nel campo dell'istruzione superiore, dei media e in materia di diritto di asilo. Il diritto penale croato punisce i "crimini d'odio"; la legge antidiscriminazioni riguarda anche l'orientamento sessuale,l'identità di genere e le sue espressioni. A Zagabria e Rijeka ci sono organizzazioni LGBT.
Nel 2005, il Parlamento ha, purtroppo, respinto una legge per le unioni di fatto registrate, che avrebbe migliorato l'attuale legge sulle unioni civili riguardante gay ed etero. Tramite un referendum tenutosi alla fine del novembre del 2013, due terzi dei votanti si sono dichiarati contrari al matrimonio omosessuale. Ciò rappresenta una vittoria per la chiesa cattolica. Il governo, che in precedenza non aveva mai dato segnali di apertura nei confronti del matrimonio tra persone dello stesso sesso, ha invece introdotto le unioni civili.

© Spartacus 2016 - www.spartacusworld.com